Condividere le emozioni trasmesse dalla squadra sul parquet ma anche (non secondariamente) i tanti momenti di convivialità al di fuori del rettangolo di gioco. In famiglia, come da tradizione. Prima cena di gruppo in una casa Fortitudo sold out (martedì sera) alla presenza di giocatori, staff tecnico-dirigenziale e tifosi dell’Aquila biancoblu.
Ancora viva l’eco per la grande vittoria ottenuta, in rimonta, su Treviso, l’occasione è stata ghiottissima per divertirsi tutti quanti insieme, attorno a ricche tavole imbandite.
Immancabili e sempre preziosissimi i momenti della serata nei quali l’attenzione si è focalizzata sulla solidarietà, con l’intervento di Giorgio Archetti (Presidente dell’Associazione ‘Fortitudo per il Sociale’). A seguire, la lotteria che ha consentito ai vincitori di aggiudicarsi un pallone autografato da tutti i giocatori della prima squadra e il cappellino personale di Pietro Aradori, messo spontaneamente a disposizione dal giocatore per chiudere una nuova serata all’insegna della convivialità e della serenità a tinte rigorosamente biancoblu, in puro stile Fortitudo.

FOTO DI VALENTINO ORSINI/ FORTITUDO PALLACANESTRO BOLOGNA